Nonostante sia oggi abbastanza conosciuto, l’utilizzo di AdWords, specialmente all’inizio, può risultare difficile per un’azienda che decide di renderlo un vero strumento di business. Tuttavia, essendo in grado di intercettare gli utenti potenzialmente interessati alla tua azienda, potrebbe rivelarsi un importante canale per ottenere traffico di qualità.
In questo articolo troverai alcuni consigli utili per integrare Google AdWords al meglio nella tua strategia di web marketing.

 

Cosa è Google AdWords?

Google AdWords è una piattaforma che offre la possibilità di inserire spazi pubblicitari all’interno delle pagine di ricerca di Google. Il servizio permette alle aziende di fissare un budget per le pubblicità da pagare solo quando gli utenti cliccano direttamente sull’inserzione. Inoltre, se prima non era possibile essere sicuri al 100% sulla provenienza delle conversioni, ora l’interfaccia mostra direttamente da dove provengono le conversioni (campagne, pubblicità, keyword, ecc.).

AdWords si basa in gran parte sulle keyword. Le aziende possono creare pubblicità ad hoc scegliendo le parole chiave che gli utenti usano quando effettuano una determinata ricerca in rete. Lavorando con le keyword giuste, ed eliminando tutte quelle che nel tempo non stanno producendo risultati soddisfacenti, darai modo alle tue inserzioni di comparire sulle SERP, nella sezione “Ann.” (Annuncio) che compare all’inizio della prima pagina. Cliccandoci sopra, gli utenti verranno dunque indirizzati direttamente al tuo sito web.

 

A chi devo affidare la gestione di AdWords?

Chi si occuperà di Adwords dovrà conoscere bene la tua azienda, il tuo target e le sue necessità, per essere così in grado di leggere i dati di traffico e comunicarli nel modo giusto.

Trovare questa risorsa chiave alla quale assegnare la gestione delle campagne AdWords è fondamentale, anche per quelle aziende che non sono solite investire su una figura di responsabilità per le azioni di marketing mirato. Potrai rivolgerti sia ad una figura interna sia ad una esterna alla tua azienda, in base alle tue esigenze e preferenze. L’importante è scegliere una figura competente e affidabile.

 

Come integro Adwords nella strategia di web marketing?

Elabora una strategia di remarketing

Spesso si considera il remarketing parte di quelle strategie avanzate, da mettere in pratica come potenziamento di campagne già efficaci. In realtà non è così. Costruire sin dal primo giorno elenchi di remarketing di qualità permette infatti alle tue campagne di iniziare sin da subito un percorso molto vantaggioso.

Prima di approcciarti ad AdWords però, dovrai iniziare ad analizzare con occhio critico il tuo sito web. Se ti accorgi che la struttura è poco o per nulla orientata alla SEO, è il caso prima di rivolgersi a un consulente dedicato che possa procedere in parallelo per risolvere questo tipo di problema. Altrimenti potrai procedere a preparare in AdWords degli elenchi di remarketing che descrivono una specifica necessità.

L’obiettivo dovrà essere quello di investire meglio il tuo budget a disposizione, indirizzandolo agli utenti che già hanno manifestato interesse visitando il sito, e creare delle campagne mirate.

Monitora la qualità del lead

Per far crescere coerentemente un’attività pubblicitaria in AdWords, devi sapere che:

  • Non è sufficiente ottenere solo click;
  • La tua azienda potrebbe non aver bisogno di tutte le tipologie di campagne;
  • Il successo della tua attività non deriva solo dall’acquisizione di lead.

In altre parole, l’obiettivo è far in modo che ogni click pagato possieda il massimo ritorno possibile. L’attenzione va quindi posta sull’effettivo ROI (Return On Investment) generato dall’attività in un preciso periodo di tempo.

Sulle nicchie molto competitive, la sfida è quella di raccogliere in primo luogo un buon numero di conversioni a un costo ragionevole, e successivamente monitorare quanti di questi lead si sono effettivamente convertiti in acquisti.

Segmenta in base al dispositivo

Senza una piena comprensione dell’andamento delle tue campagne AdWords sui diversi dispositivi (computer, cellulare, tablet, ecc.), noterai presto delle falle nella tua strategia. Questo perché le keyword, le pubblicità, i gruppi di annunci e le campagne non agiscono allo stesso modo sui diversi dispositivi. Per alcune aziende, ormai da anni i numeri delle ricerche su cellulare superano quelli delle ricerche sul PC. In questi casi, dunque, non prevedere una strategia specifica per il cellulare si traduce in un’opportunità mancata.

Chi si occuperà di AdWords dovrà quindi tenere presente la possibilità che alcuni consumatori preferiscano acquistare un prodotto dal proprio telefono, quando magari non hanno modo di accedere ad un PC.

 

Se questa piattaforma ti incuriosisce, ma non sei sicuro di saperla utilizzare al meglio, contattaci

 

Reader Interactions

Copyright ©2017 · Circle Srl - All Rights Reserved · | Cookie & Privacy | Mappa del sito | Help Desk